Senza Stipendio e tutele Le navi con bandiera di comodo restano in porto e i lavoratori a terra

Senza stipendio o tutele Le navi con bandiera di comodo restano in porto e i lavoratori a terra

18-05-2020



 

 

«Siamo stati licenziati in tronco e siamo diventati lavoratori fantasma, come le barche su cui lavoravamo». I lavoratori marittimi stagionali arruolati a bordo dei grandi yacht battenti bandiere di comodo, conosciute anche come red ensign flag, sono in una situazione particolare rispetto agli altri dipendenti che hanno perso il lavoro. 

Le barche per il momento sono ferme a terra. E in attesa delle linee guida del governo per capire come applicare le norme sanitarie, visti anche gli spazi ristretti delle cuccette per equipaggi e ospiti, molti armatori hanno cominciato a tagliare i costi del personale.

«Sappiamo di essere nel torto in quanto lavoratori irregolari, ma negli anni si è instaurato un rapporto di fiducia con l’armatore e gli stipendi sono quasi il doppio di quelli che percepiscono i nostri colleghi provvisti di contratto» si giustifica Filippo (nome di fantasia), un giovane marinaio semplice che ogni anno sale a bordo di uno yacht di 32 metri, con bandiera delle Cayman, solo con un accordo verbale con l’armatore.

«La rendita di sei mesi ci permette di fare a meno della disoccupazione invernale e le

mance che facciamo in charter (noleggio ndr) sono quasi un altro stipendio. Adesso che la barca non sarà messa in mare, sono rimasto senza lavoro e completamente scoperto».

Per red ensign flag si intendono le bandiere estere sventolate da imbarcazioni di proprietà di cittadini o di società di un’altra nazione. Il vantaggio per il proprietario della nave è che spesso può evitare il pagamento di tasse, può risparmiare sul pagamento delle imposte di iscrizione della nave e la sua privacy personale ....clicca qui per l'articolo completo

 

18-05-2020 Senza Stipendio e tutele Le navi con bandiera di comodo restano in porto e i lavoratori a terra

17-05-2020 Covid-19 Inghilterra. Un mese per “cambio equipaggi marittimi sicuro” nello shipping da armatori e sindacati (di A. Martinengo)

16-05-2020   Ugl Mare Comunicato lavoratori marittimi sulle disposizioni del Decreto Rilancio

16-05-2020 Covid-19. Traghetti, settore nel dramma. A rischio un lavoratore su due. Assarmatori: “è inaccettabile

15-05-2020 Orsa marittimi.  Richiesta al MIT per il personale in difficoltà della Tirrenia Cin

15-05-2020 Moby, Tirrenia e Toremar lanciano la vacanza in sicurezza

15-05-2020  Porto, Fit-Cisl: “La crisi covid deve diventare opportunità di lavoro e sviluppo”

15-05-2020 ONLIT, Sardegna sempre più vittima di privatizzazioni sbagliate

 

TORRE D'AMARE IL SITO DEI MARITTIMI............PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA' COMUNICATI INVIARE EMAIL torredamare@virgilio.it....PER CONTATTARE LA REDAZIONE.TEL.08119728602 DALLE ORE 09-12.00 ALLE 15.00 ALLE 17.00..HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E' CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE....PER LE VOSTRE LETTERE ALLA REDAZIONE torredamare@virgilio.it ..