marittimi

News del giorno

TORRE D'AMARE IL SITO DEI MARITTIMI............PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA' COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected] CHIAMARE IN UFFICIO O INVIARE UN MESSAGGIO VOCALE ALLA DIREZIONE, MASSIMO 30 SECONDI... ..TEL.08119728602 ..SEMPRE ATTIVA.......SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO......HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E' CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE......

Eugenio Grimaldi: "Grandi investimenti sulle navi per offrire un servizio ottimale"

 ESCAPE='HTML'


Qual è il ruolo della logistica in un mondo globalizzato come il nostro?
“La logistica è alla base di tutte le attività. Viviamo in un’epoca in cui, tanto per fare un esempio, diamo a tutti la possibilità di avere lo stesso modello di scarpe: dal ragazzo che vive in una grande metropoli al giovane che abita in un paesino di montagna. Naturalmente bisogna essere in grado di recapitare questi prodotti attraverso un’efficiente rete di trasporti. Per quanto riguarda il nostro gruppo, la differenza è stata fatta dalla lungimiranza di mio nonno Guido, che è stato il fondatore, subito dopo la seconda Guerra mondiale, nel 1947, della Grimaldi. La visione delle Autostrade del mare, però, è stata concepita da mio padre Manuel, che l’ha pensata prendendo in considerazione due elementi: da una parte le navi giuste e adatte a percorrere una determinata tratta, dall’altra la frequenza, componente fondamentale per l’ottenimento del successo delle Autostrade del mare ed essere una valida alternativa all’obsoleto trasporto via strada, per di più soluzione più economica e più green. Questo ha comportato un forte investimento in navi, perché bisogna utilizzare più naviglio quando le miglia sono più lunghe, al fine di fornire un servizio ottimale. Per esempio, per la tratta Genova-Catania non sono sufficienti due navi, ma per offrire un servizio efficiente che soddisfi le esigenze del mercato andiamo a impiegarne da tre a quattro”.

Quali collegamenti operate?
“Con una flotta di oltre 120 navi ro/ro, cruise ferry e traghetti veloci colleghiamo tra di loro circa 50 Paesi in quattro continenti, da San Pietroburgo a Buenos Aires, e da New York ad Alessandria d’Egitto. Con riferimento alla Sicilia, il nostro gruppo opera vari collegamenti per il trasporto di merci rotabili e passeggeri. In particolare, colleghiamo direttamente la Sicilia (Palermo e Catania) con l’Italia Continentale (Genova, Livorno, Civitavecchia, Salerno, Brindisi, Ravenna), la Tunisia, Malta e, con trasbordo, con il nostro network di 120 porti serviti a livello mondiale. La nostra presenza in Sicilia è in continua crescita. Tra gli ultimi potenziamenti vi è il miglioramento del servizio già esistente tra Salerno e Catania, attraverso l’impiego di navi più grandi e capaci di ospitare un maggior numero di passeggeri, la Euroferry Egnazia e la Euroferry Olympia, la cui capacità di carico è di 500 passeggeri e circa 170 camion o semirimorchi ciascuna. Oggi possiamo trasportare più di 1.000 passeggeri e oltre 300 camion al giorno, pari a 100 unità in più rispetto al nostro vecchio servizio dedicato al solo trasporto merci. In questo quadro, è chiaro che la volontà è quella di crescere ancora rispetto ai risultati attuali, grazie a cui riusciamo a fornire un servizio a specchio in uno spazio temporale tra le 11 e le 12 ore”.
 
Avete operato una scelta precisa, puntando più sulla tratta Salerno-Catania e non su quella per Napoli…
“Si, anche perché a Salerno siamo in possesso di un terminal che rappresenta un hub strategico per il Gruppo. Ciò non toglie che qualora ci fossero delle possibilità che ci permettessero di operare con alle stesse condizioni alle quali operiamo su Salerno, essendo il nostro un Gruppo napoletano, ......
clicca qui per l'articolo completo
 

Traghetti per le tue vacanze