webmaster

       Bartolo Russo

 

 stampa locale

Camillo Scala

     

 

        HOME PAGE

CHI SIAMO

       

    COMUNICA CON NOI

 

 

 

    CONTATTI URGENTI 

 

UTILITA'u

 TELEVIDEO

 

 VESUVIANA

 

 RACCOLTA DIFFERENZIATA

 

 TORRE NEWS

 

  ORARIO TRENI

 

  ORARIO AEREI

 

  PAGINE BIANCHE

 

  METEO

 

 

Multimedia

VIDEO

    FOTO

    CANALE YOU TUBE

 

Sindacati

CGIL

CISL

UILTRASPORTI

FEDERMAR

UGL

     U.S.B.  

   ORSA MARITTIMI

   SDM

    U.S.C.L.A.C.-U.N.C.Di.M

C.I.M.M.

Cassa Interaziendale Marina Mercantile

Societa’ Cooperativa

a.r.l.

Trieste – Via Torre Bianca n.12

Reg.delle Imprese n.4131-U.I.C. 3595

Cod.Fisc.-P.Iva : 00106200322

Tel.e fax 040/365028

 

 

 

 

RASSEGNA STAMPA - COMUNICATI  - NOTIZIE DI SPORT

 CRONACA

 

TORRE DEL GRECO ALLARME INFEZIONI 60 CASI DI "LEISHAMANIOSI"


Torre del Greco, 60 casi di leishmaniosi nel canile «a rischio» di via Montagnelle: scatta l'allarme infezioni
Sessanta casi di leishmaniosi nel canile super-affollato di via Montagnelle: scatta  l’allarme-infezioni all’ombra del Vesuvio, ma il Comune autorizza il rinvio del trasferimento dei 71 randagi in esubero ospitati nel ricovero Eden Park. L’ondata di guai che ha caratterizzato l’estate a Torre del Greco non risparmia gli amici a quattro zampe alloggiati nel rifugio di Cappella Nuova gestito da Giezgala Justyna Iwona, la trentaseienne nata in Polonia legale rappresentante della srl che si occupa della cura dei cani rimasti senza padrone: durante il mese di agosto, infatti, sono circa 60 i casi di leishmaniosi - una malattia parassitaria che può colpire sia gli animali che gli esseri umani – rilevati e denunciati dall’unità operativa veterinaria dell’Asl Napoli 3 Sud all’interno del canile di via Montagnelle.i cani adesso, secondo le disposizioni del sindaco Gennaro Malinconico, dovranno essere sottoposti a un’idonea terapia e sistemati «in un luogo chiuso o protetto da zanzariere fino al mese di ottobre, da un’ora prima del tramonto a un’ora dopo l’alba per limitare il contatto con gli insetti che trasmettono la malattia». Una prassi di routine che, tuttavia, potrebbe provocare disagi e difficoltà nella struttura di via Montagnelle già alle prese con un imprevisto super-affollamento: una vera e propria emergenza che, a luglio, aveva convinto il responsabile dell’ufficio igiene e sanità a ordinare il trasferimento entro 30 giorni di 71 cani randagi in esubero rispetto alla prevista autorizzazione di complessivi 665 unità.Un provvedimento rimasto lettera morta, a dispetto del crescente allarme per la salute degli ospiti dell’Eden Park. Anzi: alla scadenza del termine perentorio per il trasloco degli amici a quattro zampe, accogliendo una richiesta di proroga presentata dalla proprietaria del canile, l’ente di palazzo Baronale ha rinviato lo svuotamento dell’Eden Park al prossimo 30 settembre. Una decisione giustificata dal parere favorevole rilasciato dall’unità operativa veterinaria dell’Asl Napoli 3 Sud che assicura che il benessere dei cani ospitati è pienamente rispettato, ma che ora potrebbe scatenare problemi per l’adeguata cura dei 60 cani colpiti da leishmaniosi.di ALBERTO DORTUCCI




 


 

            

              FACEBOOK           TG TORREMARE         WEB CAMERA GE       YOU TUBE        TELE TORRE

 

                                                    TORNA INDIETRO
 

                     

                                           Stampa questa pagina  '; } else { echo ''; } ?>